L’arte del silenzio: un invito alla riflessione e alla comunicazione dell’universo femminile


26 Marzo 2024
di Silvia Castrogiovanni

Designer di moda, artista e comunicatore della bellezza femminile, Aldo Pallanza (1922-2017) nasce in una famiglia di calzolai a Vigevano, ma già da bambino mostra un grande talento per l’arte. Inizia il suo viaggio creativo tra pelli e fili, scegliendo fin da subito la versatilità e l'eleganza intrinseca delle calzature femminili. La sua scelta riflette un'intima comprensione dell'universo femminile e della sua capacità di comunicare emozioni attraverso storie di donne, di stile e personalità. La sua anima poliedrica lo spinge oltre i confini della moda, immergendosi nella pittura e trasformando il suo talento da artigiano ad artista della contemporaneità. Dalla pittura figurativa passa all’astrattismo dove trova la libertà di far dialogare il concreto e l’emozionale, fino ad arrivare a comunicare l’universo femminile.

Kindanews - La voce dei Leader ha intervistato il nipote, Giorgio Pallanza, promoter del progetto artistico di valorizzazione delle opere del nonno.

Qual è il significato di bellezza femminile oggi?

Non esiste un'unica definizione di bellezza femminile. Invece, ci sono molteplici modi in cui le donne possono essere considerate belle, ognuna con la propria unicità e autenticità. La società contemporanea celebra la diversità, accettando e apprezzando una vasta gamma di caratteristiche fisiche, etniche, culturali e di stile. Questo approccio inclusivo riconosce che ogni donna è bella a modo suo, senza dover rispettare standard irrealistici o stereotipi.

Tra le diverse opere sul tema del “femminile” di mio nonno Aldo, ho scelto questa donna, che mi sta molto a cuore, ritratta con il suo dito posato sulle labbra. La sua espressione sognante cattura l'attenzione, il suo gesto invita a comunicare senza le parole. Attraverso la sua forza evocativa, l'opera ci spinge a esplorare il potere del silenzio e della riflessione per approfondire la comprensione di noi stessi e del mondo che ci circonda.

Come scriveva Francois de Malherbe alla fine del Cinquecento, la bellezza vive nel breve spazio del mattino, non è un bene perpetuo, arriva e se ne va rapidamente. Aldo Pallanza attraverso il linguaggio dell’arte scompone e ricompone l'essenza della femminilità in tutte le sue sfumature, da cercare e da interpretare, offrendo una testimonianza tangibile della dolcezza che permea il mondo della donna, trasformando la fugacità in un'eredità duratura.

Nel contesto attuale, quanto è importante comunicare l'universo femminile con il linguaggio dell'arte?

Comunicare la bellezza è un invito a esplorare il sublime attraverso i sensi e l'anima. È tessere un legame emotivo tra chi crea e chi osserva, trasmettendo emozioni profonde e stimolando riflessioni interiori. Comunicare la bellezza con il linguaggio dell’arte significa superare le barriere culturali e linguistiche, significa creare ponti in grado di connettere le persone aiutandole a diventare la migliore parte di sé.

Oggi, in un mondo in cui la violenza sulle donne è spesso sotto i riflettori, comunicare l’universo femminile assume un ruolo cruciale nel riconoscimento della dignità della donna nella società. Riconoscere e celebrare la bellezza delle donne, attraverso l’arte, diventa un atto di resistenza contro gli stereotipi dannosi e gli abusi. Diventa un atto di rispetto.

Considero l’arte di mio nonno Aldo, un mezzo per apprezzare la ricchezza della vita e dell'esperienza umana. Oltre ad elevare l'animo e stimolare la creatività, comunicare la bellezza con l'arte ci aiuta a scoprire la nostra interconnessione con il mondo e a nutrire quel senso di empatia e comprensione reciproca, fondamentali per una società più inclusiva e compassionevole.

Share this content:

© - 2024 Kindacom Srl  - Via Bernardo Quaranta, 40 – 20139 Milano  - C.F. e P.IVA 10640270962 - Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. - www.kindacom.com

Le foto presenti su kindanews.news sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono segnalarlo alla redazione kindanews.news@gmail.com, che provvederà alla rimozione delle immagini utilizzate.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram